Finanza, Credito, Assicurazione e Immobiliare
Sponsor Silver
Banca Popolare del Cassinate Scpa

Banca Popolare del Cassinate
Nata nel 1955 per contribuire alla ricostruzione del territorio dopo la distruzione subita nel secondo conflitto mondiale, la Banca Popolare del Cassinate è oggi la più antica banca popolare locale della provincia di Frosinone e la più grande per numero di Soci.
Oggi, con 25 filiali e quasi 150 dipendenti, la BPC fa del proprio radicamento sul territorio un fiore all'occhiello del proprio essere banca popolare. Parlando di "territorio" non si fa riferimento ad una semplice estensione geografica, ma ad un'identità inequivocabile, fatta di storie, di tradizioni, di culture e dialetti, di usi, di costumi, di piatti tipici dal sapore unico, di profumi inconfondibili, di paesaggi e, soprattutto, di persone, che in quel territorio vivono, lavorano, amano.
E così, da quel 1955, il legame con il territorio si è declinato in un'ampia serie di progetti e in un vasto patrimonio di relazioni personali e umane, che impegnano la banca ad un'attenzione scrupolosa e responsabile verso i propri stakeholders: i clienti, gli enti, le istituzioni, le imprese, gli attori economici e sociali del territorio.

Da tre anni la BPC si posiziona ai vertici delle principali classifiche nazionali.
Nell'edizione 2015 dell'ATLANTE DELLE BANCHE LEADER redatto da Italia Oggi e Milano Finanza la Banca Popolare del Cassinate è la prima nel Lazio secondo il MF Index, ovvero l'indicatore che coniuga dimensioni e risultati, individuando gli istituti che hanno saputo abbinare allo sviluppo della massa amministrata la capacità di generare profitti.

Inoltre, la rivista specializza Banca e Finanza, nella superclassifica 2015 delle banche piccole (che tiene conto della combinazione di tre indicatori, solidità - redditività – produttività) ha assegnato alla BPC un indice di 61,9 che la pone al 1° posto nella graduatoria regionale e al 7° posto in quella nazionale.
Il bilancio al 31 dicembre 2015 si è chiuso con un utile lordo di oltre 14 milioni di euro, un patrimonio netto (escluso l'utile di esercizio) di quasi 124 milioni di euro, impieghi che hanno toccato i 488 milioni e la raccolta complessiva da clientela che è giunta 836 milioni di euro.
Al 31 dicembre 2015 la BPC ha un core tier 1 pari al 18,89% e un total capital ratio del 19,16%. Al 31 marzo 2016 il core tier si è attestato al 19,89% e il total capital ratio al 20,08%.

BPC per la cultura
La Banca Popolare del Cassinate è partner delle principali istituzioni culturali e di formazione del territorio, come l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, l'Accademia di Belle Arti di Frosinone, il Conservatorio Licinio Refice.
La BPC sostiene inoltre i teatri e le principali manifestazioni culturali locali come il Festival delle Storie, il Premio san Tommaso d'Aquino, il Festival dei Conservatori, il Certamen Ciceronianum di Arpino, Atina Jazz Festival, i Fasti Verolani, il Festival Gazzelloni.

Inoltre, la BPC promuove eventi culturali di particolare prestigio, come il Premio Ora et labora et lege – assegnato ogni anno dalla banca a personalità che si sono particolarmente distinte per il loro impegno culturale, artistico, professionale – o la rassegna BPC INCONTRA che ospita nelle filiali della BPC alcune delle più prestigiose firme della saggistica, del giornalismo, della narrativa, personaggi del mondo dell'arte, della cultura, dello spettacolo.

UN NUOVO MODO DI FARE BANCA
Dal 2009 il claim "un nuovo modo di fare banca" ha accompagnato il progetto di restyling delle filiali della BPC, che testimonia, in maniera tangibile, l'attenzione alla relazione personale, alle famiglie, al rapporto con il cliente, alla tutela della privacy, all'accoglienza.
Nessuna barriera all'ingresso, casse separate dall'ambiente esterno per mezzo di porte scorrevoli, bar, ludoteche, sale riunioni, aree espositive e punti shop messi a disposizione della clientela, ambienti eleganti, caldi, confortevoli per favorire l'incontro e la relazione.

L'ATTENZIONE AI GIOVANI E ALLE START UP INNOVATIVE: IL PROGETTO PRIMA IDEA
Nel 2011 la Banca Popolare del Cassinate ha promosso OFFICINA DELLE IDEE, un tavolo di lavoro tra enti e istituzioni e tra i diversi partner del territorio per studiare insieme soluzioni per rilanciare l'economia locale.
In quell'occasione la Banca Popolare del Cassinate ha messo in campo la sua proposta: un plafond di un milione di euro – oggi raddoppiato – per sostenere le idee imprenditoriali innovative promosse dai giovani del territorio. Le proposte vengono vagliate da una commissione di promanazione imprenditoriale e accademica, che esamina ogni proposta valutandone la fattibilità, il grado di innovazione, la sostenibilità. Con questo progetto la Banca dà davvero credito all'idea, mettendo a disposizione finanziamenti di 50.000 euro a tasso zero da rimborsare in 10 anni.

Dal 2011 ad oggi sono oltre 40 le domande presentate e circa 20 i progetti che finora sono stati finanziati e che operano sul territorio, creando occupazione e contribuendo a rilanciare l'economia locale.


Messaggio pubblicitario diffuso con finalità promozionale.